antico borgo Castello di Dogliani - Dogliani-Castello (Cuneo)
Nato nel 1975 su iniziativa degli allora giovani componenti della Pro Loco Castello, il presepe è diventato con il passare degli anni il più grande Presepe Vivente del Piemonte e del Nord Italia. Con 350 comparse e circa 150 botteghe, la magia del Presepe Vivente ritorna puntuale a Dogliani Castello, come ormai di tradizione, da 43 anni consecutivi. Nelle sere del 23 e del 24 dicembre, la rappresentazione anima le vie del Borgo Antico. Ad interpretare i caratteristici personaggi in costume d?epoca sono gli stessi abitanti del luogo. I locali sono trasformati in botteghe artigianali, osterie, case di poveri contadini e di ricchi signori, dove si svolgono le attività quotidiane come accadeva 2000 anni fa in Palestina. Il Borgo di Castello si trasforma in un?enorme cittadella d?epoca. Le vie del Borgo sono rischiarate unicamente da torce a vento e falò. Un?atmosfera suggestiva avvolge i visitatori che incuriositi possono osservare il lavoro dei mestieranti artigiani e apprezzare l?arte del vendere del bazar e del mercante di tappeti. Possono soffermarsi nelle osterie oppure sostare davanti al lazzaretto. Lungo le contrade Maria e Giuseppe vanno alla ricerca di un alloggio chiedendo invano ospitalità. E? il buon Gelindo, tipico pastore della tradizione locale, che vive legato saldamente alle proprie radici, ad indicare loro una capanna situata nell?antica torre medioevale del Castello dei Perno di Caldera. Una grande stella cometa annuncia la nascita di Gesù Bambino sotto lo sguardo affettuoso di Maria e Giuseppe, egli dorme tranquillo riscaldato dal tepore naturale del bue e dell?asinello, cullato dolcemente dai cori dei pastori e degli angioletti che accompagnano lo scorrere silenzioso e devoto dei visitatori.